Staff
 
Libreria dell'Automobile
PG Corse - Pista Ronco Kart
Affi Kart Indoor
Il tuo sogno in pista - Driver Experience
Cremona Circuit - Circuito outdoor San Martino del Lago (CR)
BI KARTING - Circuito indoor-outdoor S.Giorgio in Bosco (PD)
Ristorante Pizzeria La Sirenetta - Milano
TOP FUEL RACING MILAN ARENA
javascript

Gran Premio di 
Rozzano


Commenti
Introduzione GP 3
Sabato 16/05/2016, terza gara della stagione 2016 di KartGP e prima tappa outdoor. Dopo la trasferta in territorio veneto, si rientra nel milanese con un grande classico: il Gran Premio di Rozzano.
Meteo e temperature sono decisamente favorevoli, ci sono poi i nuovissimi Sodi GT4R ad attendere il 42 piloti iscritti a questo appuntamento.

Qualifiche
Otto minuti a disposizione di tutti i piloti per trovare il crono da portare in griglia di partenza. Saranno dunque circa 10 i giri che ogni pilota effettuerà, al termine dei quali la spunta Alessandro Dominutti che fa registrare il tempo di riferimento: 44,175.

Divisione 3
Ottiene la prima casella di Divisione 3 Mattia Statuto, il suo crono è di 44,939. A fargli compagnia in prima fila Dino Perego, staccato di appena 20 millesimi di secondo. Apre la seconda fila un ottimo Luca Andreis che relega in quarta piazza il pilota inglese John Ogilvie. In quinta posizione Davide Gianola seguito da Lorenzo Radice. Quarta fila per Divano e Parodi, a seguire Azzara, Orsenigo, Tafuri, Russo, Moneta ed a chiudere il pilota indiano Joshi Amit.
Tutto è pronto sulla griglia di partenza, l’avvio è regolato tramite bandiera italiana ed i piloti partono per la gara che si disputa sulla distanza di 20 giri.
Prime battute di gara che scorrono senza particolari problemi per i piloti che sono guardinghi. Federico Russo incappa in un testa-coda e rimane leggermente attardato.
Le cose cominciano a smuoversi veramente dal 5° giro con Lorenzo Radice che con un grandissimo traverso alla staccata del secondo tornante si porta in quinta posizione mentre alla curva successiva troviamo il Britannico Ogilvie che attacca internamente Andreis e con una bella manovra si porta in zona podio.
Siamo circa a metà gara quando Federico Russo, dopo diversi giri investiti nel recuperare gli avversari, tenta un attacco su Moneta, ma incappa nuovamente in un testacoda che lo costringe a rifare tutto da capo. Davvero un peccato per Federico alla ricerca del feeling giusto con questo tracciato.
Nel mentre Orsenigo, Tafuri, Radice, Azzara e Moneta tengono l’attenzione in campo altissima con manovre spettacolari, regolari e molto combattute con bagarre e staccate dove i piloti si aprono a ventaglio in una spettacolare danza di sorpassi e controsorpassi.
Intanto John Ogilvie si porta in seconda posizione sopravanzando Dino Perego, vi ricordiamo che Sir John Ogilvie ha ricevuto direttamente dalla Regina Elisabetta l’incarico di riportare in patria una medaglia KartGP e di fatti il pilota Britannico pare decisamente motivato a fare bene oggi.
Pochissime curve, siamo al 13° giro e John Ogilvie passa in testa alla gara, il passo che ha dimostrato in questi giri sembra potergli permettere di andare via e lasciare tutti sul posto.
Intanto Russo che ha recuperato nuovamente il tempo perduto ingaggia un duello con Moneta, spettacolare, deciso, pulito e ricco di sorpassi e controsorpassi.
Al 14° giro Davide Gianola trafigge Dino Perego guadagnando la terza posizione. Intanto Ogilvie che nei giri precedenti aveva dimostrato di avere un passo invidiabile, diciamo da fuga, non riesce a scappare ed anzi deve guardarsi alle spalle perché Mattia Statuto è la sua ombra e anche Davide Gianola al terzo posto non è molto distante dalla coppia di testa.
Ultimi 4 giri che saranno nel segno della più totale incertezza con in testa un gruppo ormai compatto composto da Ogilvie, Statuto, Gianola, Perego ed Andreis che sono vicinissimi!
Andreis supera Dino Perego e guadagna la quarta posizione mentre si apre l’ultimo giro di questa gara combattuta, tirata e bellissima! Ogilvie ha giusto un paio di metri di vantaggio su Statuto quando accade l’incredibile. Il pilota inglese trova sulla sua strada Amit, doppiato, John cerca il sorpasso all’esterno ma Amit è d’intralcio e Statuto è velocissimo ad approfittarne infilandosi internamente e sopravanzando in un sol colpo Amit e John ad una curva dalla fine.
Arrivo in volata sotto la bandiera a scacchi con Mattia Statuto che vince questo GP con un finale thrilling, in seconda posizione chiude John Ogilvie che vede sfumare un meritato successo proprio negli ultimi metri di gara, a chiudere il podio Davide Gianola che concretizza una buona gara con 2 posizioni guadagnare rispetto alla partenza. Seguono Andreis, Divano, Radice, Perego, Azzara, Orsenigo, Tafuri, Parodi, Moneta, Russo e Joshi.

Divisione 2
Prima fila di Divisione 2 composta da due piloti che sono attualmente in lotta per le posizioni di testa della classifica generale e della classifica Over 40, primo Roberto Lanticina che fa segnare un tempo infinitesimamente migliore rispetto a Cosimo Simeone che gli è affianco.
Seconda fila composta da Milo Grimaldi e Davide Zacco. A seguire Fabio Coppola e Tiziano Illuzzi.
Quarta fila per Arini e Guerciotti seguiti da Colombo e Solvi. Nona piazzola per Federico Baldazzi affiancato in decima posizione da Marco Termine. Chiudono lo schieramento Michele Milanesi e Fabio Corbellini. Griglia racchiusa in poco più di tre cedimi e mezzo, presupposto per una gara tiratissima e molto equilibrata.
Scatta la gara, impressionante vedere 14 kart sfrecciare contemporaneamente sul tracciato. Saranno 20 giri mozzafiato. Prima curva e tutto procede in sicurezza con Fabio Coppola che riesce immediatamente a guadagnare una posizione. Seconda curva dove invece accade di tutto, un po’ di bagarre e mezzi tutti vicinissimi per una staccata furibonda traggono in inganno alcuni piloti che cercavano il sorpasso e Marco Termine ne fa un po’ le spese per tutti, evita un paio di kart che scartano cercando il sorpasso e finisce sull’erba. Nulla di irregolare ma Terminale deve ora affrontare una gara tutta in salita.
Intanto Arini si porta in 6° piazza passando Illuzzi, prime curve molto concitate e ricche di sorpassi.
Dopo 3 giri Lanticina e Simeone mostrano di avere un altro passo rispetto a tutti gli altri e sembra piuttosto chiaro che per la prima posizione sarà una lotta a due. Mentre Illuzzi non molla il codone di Arini che lo aveva sopravanzato in precedenza e cerca di riprendersi la sesta posizione. Corbellini dopo un ottimo scatto che lo aveva portato nei primi giri a guadagnare ben tre posizioni viene ripreso e sopravanzato da Thomas Colombo. Anche Davide Zacco si riprende la posizione persa in partenza nei confronti di Fabio Coppola alla staccata della prima curva di Rozzano.
Marco Termine torna sotto di gran carriera, recuperati i metri perduti nell’errore al primo giro, staccata violenta alla prima curva ed infila in un sol colpo due piloti Milanesi e Corbellini portandosi in quattordicesima posizione. Anche Milanesi passa Corbellini che decade in ultima posizione.
La staccatona in fondo al rettifilo principale pare essere il tratto più adatto a sorpassare ed infatti nel quinto giro proprio sulla frenatona in fondo al dritto, Riccardo Arini sopravanza Fabio Coppola. Riccardo però incappa in un errore nel curvone in fondo al dritto della tangenziale vedendosi costretto a ricedere la posizione guadagnata.
Sesto giro che vede, purtroppo, un nuovo errore da parte di Marco Termine che nello stesso punto in cui era già finito in testa-coda, nel tentativo di staccare profondo, finisce per girarsi nuovamente, riperdendo le posizioni acquisite sino a questo momento e vedendosi nuovamente costretto a rimontare.
Guerciotti intanto viene sopravanzato da Solvi e Baldazzi, ma ciò che tutti ormai attendono è il duello al vertice tra Lanticina e Simeone che sono ormai distanti dal resto del plotone e possono permettersi di lottare senza guardarsi le spalle.
E di fatti al settimo giro Cosimo Mimmo Simeone al secondo tornantino forza la staccata, polvere di carbonio che si sprigiona dai dischi Carbo-Ceramici Sodi, e conquista la prima posizione sopravanzando Roby Ayrton Lanticina. La soddisfazione per Mimmo dura poco, nemmeno un giro e Lanticina fiocina Simeone alla staccata in fondo al rettifilo principale.
Al decimo giro il duello tra Simeone e Lanticina si intensifica con una serie di sorpassi ed incroci di traiettorie che rendono l’esito finale di questa gara davvero incerto, I due praticamente si equivalgono in questo gioco di sorpassi! Milo Grimaldi terzo, si avvicina ai due di testa.
Al 14° Giro Terminale ha recuperato ancora una volta su tutti i piloti dinanzi a lui, sorpassando Michele Milanesi MM41, Fabio Corbellini e Luca Guerciotti.
Zacco, Baldazzi, Coppola ed Illuzzi danno vita ad un quartetto scoppiettante, sempre corretto ma la bagarre che instaurano è di quelle da godere! Staccate dove i piloti si aprono a ventaglio, passaggi al limite dell’aderenza sui cordoli caratterizzano anche un altro gruppetto di piloti: Colombo, Corbellini, Termine e Milanesi che danno spettacolo!
Gara Pazzesca dove tutto è in bilico sino all’ultima curva, i giri scorrono velocemente sino al 20° e la bandiera a scacchi saluta prima di tutti Roby Ayrton Lanticina che proprio negli ultimi giri prende quei pochi metri di vantaggio su Cosimo Simeone secondo al traguardo. Milo Grimaldi si aggiudica il terzo gradino del podio. Ai piedi del podio Federico Baldazzi seguito da Fabio Coppola, Zacco, Illuzzi, Solvi, Arini, Colombo, Corbellini, Milanesi, Termine ed a chiudere Guerciotti.

Divisione 1
Tutto è pronto per la Divisione 1, attesissima la Divisione degli uomini Jet di Rozzano, mentre il cielo si rannuvola e le temperature si abbassano leggermente. I piloti si scherano su di una griglia bollente. 14 kart in appena 297 millesimi di secondo. A conquistare la Pooooole Position è il leader attuale della classifica ovvero Dominutti Dominator che riesce ad essere davanti a tutti per appena 67 millesimi di secondo. Grande la prestazione di Gnappo Napoletano che con la sua seconda posizione porta gli Scappati di Casa a monopolizzare la prima fila. In seconda fila Matteo Bartalena, che oggi dimostra una guida pulitissima e minuziosa, distante solo 86 millesimi dalla pole assoluta. Anche Gabriele Bloise è autore di un giro Maiuscolo, 3 millesimi lo separano da Bartalena, sarà dunque la casella numero 4 ad ospitare il suo kart in partenza.
Maurizio Bertoldi partirà dalla casella numero 5 affiancato da Lorenzo Di Cillo. In quarta fila troviamo Diego Merli ed il Leone di Rozzano: Roberto Cazzolli. Lorenzo SuperCioni ed Emiliano Kikko Galbiati ad occupare la quinta fila. Subito alle loro spalle Mattia Nivola Castelletti e Marco Di Candia, a chiudere in settima fila Pozzoli ed Imposti.
La tensione è alta sulla griglia di partenza, tantissimi i kart contemporaneamente in pista per questa Divisione 1 che parte all’abbassarsi della bandiera tricolore.
Primo giro che vede i piloti attentissimi, posizioni che non cambiano e driver che cercano di adattare il più velocemente possibile la propria guida al nuovo mezzo che hanno tra le mani da pochi metri.
Ma subito un acuto al secondo giro, nel critico punto in fondo al dritto della tangenziale, Maurizio Bertoldi si infila alla Caesy Stoner a gomme fredde passando Bloise e Bartalena guadagnando la terza posizione.
Maurizio viene però subito ripassato da ambo i piloti che affrontano la successiva curva con favore di traiettoria, un po’ di scompiglio in questa fase con Kikko Galbiati che scaltro ne approfitta passando Merli e Di Cillo.
Grande bagarre in pista che prosegue, regolarmente nella sua forma, ma c’è grande confusione con 4 kart appaiati sul rettifilo e mischioni nelle staccate con Diego Merli che proprio in fondo al rettifilo principale giunge impiccatissimo in staccata ed incappa in un testacoda che lo porta sfortunatamente in fondo al gruppone.
Dopo soli quattro giri, davanti è fuga in solitaria degli Scappati di Casa che mostrano sicuramente un passo molto buono, parimenti stanno guadagnando terreno anche grazie alla bagarre che coinvolge un po’ tutti gli altri piloti che sono rimasti in gruppo molto compatti.
Gabriele Bloise incrocia la traiettoria di Bartalena tra il secondo ed il terzo tornante portandosi così in terza posizione.
Largo di Caesy Bertoldi che guida davvero al limite dell’aderenza, questo però consegna nelle mani di Kikko Galbiati la quinta posizione.
Quinto giro ancor più ricco di emozioni con Matteo Bartalena che cerca di rispondere a Bloise, l’imolese dalle ruote fumanti s’incunea in fondo al dritto della tangenziale, Bloise cerca l’incrocio di traiettoria ma tutto questo favorisce Galbiati che alle loro spalle non si fa certo pregare ed affianca Bloise nella doppia sinistra. Non c’è abbastanza spazio per entrambi nel cambio di direzione verso destra per l’ultima curva e l’asfalto sotto le ruote di Gabriele finisce, comincia l’erba e per lui è un fuori pista che lo relega nelle posizioni di coda. Un vero peccato per lui che dopo 5 giri si trova a dover ricominciare daccapo. Kikko Galbiati nel mentre passa anche Matteo Bartalena proprio nell’ultima curva “uno-due” velocissimo. Lo staccatore Matteo Bartalena però non attende altro che la frenata in fondo al dritto per rimettere sotto stress i dischi Carbo-Ceramici del suo Sodi che lo riportano affianco e dinanzi a Galbiati per qualche metro, almeno sino al tornantino successivo in cui Kikko conclude la manovra di sorpasso stabilizzandosi in terza posizione.
Un susseguirsi di colpi di scena oggi a Rozzano sulla Pista Big Kart con i nuovi Sodi GT4R, gli Scappati di Casa hanno preso davvero il largo e tra di loro mantengono una distanza costante con Napoletano che seppur vicino a Dominutti Dominator non sembra riuscire ad avvicinarsi per tentare la zampata vincente. Dietro ancora incredibile con Caesy Bertoldi che stacca profondo ed affianca Bartalena alla prima curva, l’imolese non molla e finisce per perdere la corda della curva allargando sempre più sino finire sulla terra, una nuvola di polvere e sabbia che si solleva per questa uscita di pista tanto spettacolare quanto innocua in cui Bartalena perde due posizioni.
Anche Paolo Pozzoli supera Matteo Bartalena all’ultima curva prima del rettifilo principale, una buona rimonta anche di Paolo che dal via ha già guadagnato diverse posizioni.
Lorenzo Di Cillo supera Maurizio Bertoldi proprio mentre Di Candia incappa in un testacoda e raggiunge Merli e Bloise in coda al gruppo.
Situazione più stabile negli ultimissimi giri con gli Scappati di Casa Dominator e Gnappo che si portano a casa una doppietta in grande stile, la prima doppietta in assoluto di KartGP. Al terzo posto Kikko Galbiati che concretizza una straordinaria rimonta, ben sette posizioni recuperate in 20 giri di gara ed un sudato terzo gradino del podio. In quarta posizione Lorenzo Di Cillo che si dimostra sempre protagonista sia in indoor che in outdoor. A seguirlo Maurizio Bertoldi autore di una gara combattutissima ma che chiude nella medesima posizione di partenza. Sesto giunge Paolo Pozzoli, fantastica anche la sua rimonta con sette posizioni portate a casa nell’arco della gara disputata in maniera accorta ma estremamente concreta. Il Leone di Rozzano, Roberto Cazzolli questa volta si deve accontentare di una settima posizione che lo vede migliorare rispetto al risultato delle qualifiche ma che forse non rispecchia tutto il potenziale di questo pilota che ama il tracciato milanese.
Mattia Nivola Castelletti giunge ottavo al traguardo, in tasca anche uno straordinario giro veloce 44,091 che impressiona tutti. Di gran lunga il giro più veloce di oggi è suo!
Segue Bartalena che dopo l’acuto in qualifica rimane un po’ intruppato in bagarre e non riesce nell’intento di stare in scia agli Scappati di Casa nei primi giri.
Imposti chiude 10° dopo una partenza dall’ultima posizione, dietro di lui si classificano Merli, Cioni, Bloise e Di Candia sfortunati oggi. Il quartetto aveva espresso un potenziale di sicuro interesse nelle qualifiche e nei primissimi giri di gara quando un errore per il primi due, un escursione sull’erba per Gabriele ed un testacoda per Marco li hanno relegati ad una lotta tra di loro per le ultime posizioni.



Scarica il comunicato con i tempi e i risultati della gara
Scarica il comunicato con i tempi e i risultati della gara




Penalita'
Lo Staff di KartGP dopo aver preso visione di tutte le immagini relative al GP3 2016 - GP di Rozzano - disputatosi in data 16/04/2016 presso la pista BIG KART di Rozzano, ha deciso di non comminare sanzione alcuna.
Lo Staff raccomanda a tutti i partecipanti di mantenere un comportamento sportivo e corretto in vista della prossima gara che si terrà l’8 maggio, su di un tracciato nuovamente indoor, stretto e caratterizzato da altimetria variabile.

DIVISIONE 1: Azioni valutate

- Giro 2, Bertoldi, Bloise, Bartalena: Vengono visionate le operazioni di sorpasso effettuate durante il secondo giro di gara. Il sorpasso a tre vede protagonisti Bertoldi, Bloise e Bartalena. L’azione viene valutata regolarmente, i kart si toccano solo a fase di sorpasso già palesemente cominciata e in una fase in cui sono appaiati per almeno il 50%. Nessuna penalità.

- Giro 3, Merli: alla staccata della prima curva, Merli finisce in testacoda. Vengono visionate le immagini nell’intento di verificare la presenza di eventuali colpi subiti dallo stesso. Il suo kart tuttavia non viene speronato o toccato da dietro. Nessuna Penalità.

- Giro 3 Pozzoli/Cioni: Seconda curva, Pozzoli attacca Cioni e lo sorpassa. I kart vengono a contatto ma sono appaiati al 100%. Il kart di Pozzoli si scompone al posteriore ed i kart si toccano lateralmente. Il sorpasso è giudicato al limite della regolarità. Nessuna penalità.

- Giro 5 Galbiati/Bloise: Galbiati affianca Bloise, i due percorrono la curva precedente all’ultima affiancati. I kart procedono a pari passo sino a quando non vi è più spazio per entrambi i mezzi sull’asfalto ed il kart di Bloise effettua uno scarto verso destra (non causato da apparenti “sportellate”) finendo sull’erba. Non appare evidenza di scorrettezze o tamponamenti posteriori/laterali durante questa fase di gara. Nessuna Penalità.

- Giro 7 Bertoldi/Bartalena: Viene rivisto il sorpasso che vede coinvolti Bertoldi e Bartalena nella prima curva. Bertoldi affianca Bartalena in staccata ed i due piloti percorrono appaiati al 100% la prima curva. Si avverte un leggero contatto quando i kart sono appaiati al 100% ed a centro curva, entrambi alla ricerca della corda e della traiettoria ideale. Successivamente Bartalena esce larghissimo dalla curva e finisce all’esterno della sede asfaltata. Il sorpasso viene giudicato regolare.

- Giro 7 Pozzoli/Bartalena: Viene rivisto il sorpasso di Pozzoli ai danni di Bartalena. Anche in questo caso il sorpasso è giudicato regolare.


DIVISIONE 2: Azioni valutate

- Vengono valutati i contatti in partenza: Nel corso della seconda curva, vi sono diversi contatti in bagarre, non vi sono tuttavia contatti penalizzabili o responsabilità soggettive. Ogni corridore cerca di reagire alla bagarre creatasi ed alcuni kart vengono a contatto o finiscono larghi/in erba. Nessuna Penalità.


DIVISIONE 3: Azioni valutate

- Nessun episodio valutato.


Risultati qualifiche

Batteria 1
Pilota Kart Best time
Bertoldi Maurizio 8 44.284
Di Cillo Lorenzo 16 44.317
Merli Diego 9 44.359
Statuto Mattia 7 44.939
Ogilvie John 4 45.046
Radice Lorenzo 2 45.147
Divano Samuele 12 45.280
Parodi Manuel 21 45.372
Azzarà Luca 18 45.430
Orsenigo Bruno 10 45.583
Tafuri Simone 3 46.060
Russo Federico 22 46.107
Moneta Federico 11 47.136
Joshi Amit 1 56.566
Batteria 2
Pilota Kart Best time
Bartalena Matteo 8 44.261
Cioni Lorenzo 22 44.373
Di Candia Marco 21 44.444
Pozzoli Paolo 4 44.455
Grimaldi Milo 10 44.562
Zacco Davide 2 44.577
Coppola Fabio 1 44.579
Arini Riccardo 12 44.608
Guerciotti Luca 7 44.631
Baldazzi Federico 18 44.814
Milanesi Michele 16 44.865
Perego Dino 3 44.959
Andreis Luca 9 45.015
Gianola Davide 11 45.128
Batteria 3
Pilota Kart Best time
Dominutti Alessandro 22 44.175
Napoletano Giuseppe 7 44.242
Bloise Gabriele 21 44.264
Cazzolli Roberto 18 44.371
Galbiati Emiliano 2 44.414
Castelletti Mattia 4 44.418
Imposti Massimo 3 44.472
Lanticina Roberto 8 44.482
Simeone Cosimo 12 44.482
Illuzzi Tiziano 11 44.581
Colombo Thomas 9 44.693
Solvi Mattia 16 44.710
Termine Marco 10 44.847
Corbellini Fabio 1 44.870


Risultati gare

Gara 1
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Dominutti Alessandro
22 14:26.476 - 44.259 70.63
Km/h
Gara 40
Pole 2
Totale 42

Napoletano Giuseppe
2 14:28.853 00:02.376 44.344 70.44
Km/h
Gara 36
Totale 36

Galbiati Emiliano
10º 7 14:31.408 00:04.932 44.301 70.23
Km/h
Gara 33
Totale 33

Di Cillo Lorenzo
12 14:33.709 00:07.233 44.489 70.05
Km/h
Gara 30
Totale 30

Bertoldi Maurizio
3 14:33.998 00:07.522 44.569 70.02
Km/h
Gara 29
Totale 29

Pozzoli Paolo
13º 11 14:34.651 00:08.174 44.348 69.97
Km/h
Gara 30
Totale 30

Cazzolli Roberto
16 14:34.839 00:08.362 44.369 69.96
Km/h
Gara 29
Totale 29

Castelletti Mattia
11º 21 14:35.129 00:08.653 44.091 69.93
Km/h
Gara 28
Best lap 1
Totale 29

Bartalena Matteo
8 14:38.475 00:11.999 44.680 69.67
Km/h
Gara 27
Totale 27
10º
Imposti Massimo
14º 10º 1 14:41.012 00:14.535 44.755 69.47
Km/h
Gara 26
Totale 26
11º
Merli Diego
11º 4 14:42.900 00:16.423 44.550 69.32
Km/h
Gara 23
Totale 23
12º
Cioni Lorenzo
12º 18 14:45.535 00:19.058 44.933 69.11
Km/h
Gara 25
Totale 25
13º
Bloise Gabriele
13º 10 14:49.345 00:22.869 44.843 68.81
Km/h
Gara 24
Totale 24
14º
Di Candia Marco
12º 14º 9 14:52.096 00:25.62 44.904 68.60
Km/h
Gara 23
Totale 23


Gara 2
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Lanticina Roberto
15º 15º 22 14:34.391 - 44.293 69.99
Km/h
Gara 22
Totale 22

Simeone Cosimo
16º 16º 2 14:35.059 00:00.668 44.368 69.94
Km/h
Gara 21
Totale 21

Grimaldi Milo
17º 17º 8 14:38.519 00:04.128 44.220 69.66
Km/h
Gara 20
Totale 20

Baldazzi Federico
25º 18º 21 14:41.327 00:06.936 44.202 69.44
Km/h
Gara 19
Totale 19

Coppola Fabio
19º 19º 3 14:42.175 00:07.783 44.452 69.37
Km/h
Gara 18
Totale 18

Zacco Davide
18º 20º 10 14:43.235 00:08.844 44.528 69.29
Km/h
Gara 17
Totale 17

Illuzzi Tiziano
20º 21º 12 14:44.379 00:09.988 44.491 69.20
Km/h
Gara 16
Totale 16

Solvi Mattia
24º 22º 7 14:45.091 00:10.700 44.565 69.15
Km/h
Gara 15
Totale 15

Arini Riccardo
21º 23º 4 14:45.713 00:11.322 44.633 69.10
Km/h
Gara 14
Totale 14
10º
Colombo Thomas
23º 24º 18 14:52.338 00:17.947 44.995 68.58
Km/h
Gara 13
Totale 13
11º
Corbellini Fabio
28º 25º 1 14:53.331 00:18.940 44.866 68.51
Km/h
Gara 12
Totale 12
12º
Milanesi Michele
27º 26º 11 14:54.419 00:20.028 44.779 68.42
Km/h
Gara 11
Totale 11
13º
Termine Marco
26º 27º 9 14:54.745 00:20.354 44.255 68.40
Km/h
Gara 10
Totale 10
14º
Guerciotti Luca
22º 28º 16 14:55.405 00:21.014 44.911 68.35
Km/h
Gara 9
Totale 9


Gara 3
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Statuto Mattia
29º 29º 22 14:27.454 - 44.941 70.55
Km/h
Gara 5
Totale 5

Ogilvie John
32º 30º 10 14:27.668 00:00.214 44.727 70.53
Km/h
Gara 4
Totale 4

Gianola Davide
33º 31º 3 14:27.813 00:00.359 44.672 70.52
Km/h
Gara 8
Totale 8

Andreis Luca
31º 32º 8 14:28.151 00:00.697 44.723 70.49
Km/h
Gara 7
Totale 7

Divano Samuele
35º 33º 4 14:28.562 00:01.108 44.793 70.46
Km/h
Gara 1
Totale 1

Radice Lorenzo
34º 34º 12 14:30.549 00:03.095 44.845 70.30
Km/h
Gara 6
Totale 6

Perego Dino
30º 35º 2 14:30.812 00:03.358 45.056 70.28
Km/h
Gara 5
Totale 5

Azzarà Luca
37º 36º 18 14:39.206 00:11.752 44.940 69.61
Km/h
Totale 0

Orsenigo Bruno
38º 37º 7 14:39.401 00:11.947 45.108 69.59
Km/h
Totale 0
10º
Tafuri Simone
39º 38º 21 14:44.778 00:17.324 45.033 69.17
Km/h
Totale 0
11º
Parodi Manuel
36º 39º 16 14:55.135 00:27.681 45.304 68.37
Km/h
Totale 0
12º
Moneta Federico
41º 40º 11 15:06.650 00:39.196 46.335 67.50
Km/h
Totale 0
13º
Russo Federico
40º 41º 9 15:08.093 00:40.639 45.746 67.39
Km/h
Gara 4
Totale 4
14º
Joshi Amit
42º 42º 1 15:10.475 +6 giri 54.199 47.05
Km/h
Totale 0


Album foto
GP3 2016 - Gran Premio di Rozzano
Apri l'album fotografico completo...


Album video

GP3 2016 - Gran Premio di Rozzano

GP3 2016 - Moviola penalità

GP3 2016 - Divisione 1

GP3 2016 - Divisione 2

GP3 2016 - Divisione 3
Apri l'album video completo...


Copyright 2018 - All Rights Reserved - Tutti i diritti sono riservati - KartGP.it - Privacy