Staff
 
PG Corse - Pista Ronco Kart
Libreria dell'Automobile
Cremona Circuit - Circuito outdoor San Martino del Lago (CR)
BI KARTING - Circuito indoor-outdoor S.Giorgio in Bosco (PD)
Il tuo sogno in pista - Driver Experience
TOP FUEL RACING MILAN ARENA
Ristorante Pizzeria La Sirenetta - Milano
Affi Kart Indoor
javascript

Gran Premio della 
Valtellina


Commenti
Introduzione GP 4
Una giornata dal cielo coperto e dai frequenti piovaschi accoglie i 31 piloti iscritti alla quarta gara della stagione. Il Circus di KartGP fa tappa presso il moderno impianto del Lario Motorpsort a Colico in provincia di Como. Una pista insidiosa, lunga, ricca di curve, stretta, con ben due cambi di livello nel corso del giro, insomma una pista dove sorpassare è davvero un’impresa. Proprio per queste caratteristiche si è guadagnata l'appellativo “La Montecarlo dei Kart”.

Qualifiche
Otto minuti a disposizione di tutti i piloti per trovare il crono da portare in griglia di partenza. Saranno dunque pochissimi i giri a disposizione dei piloti per trovare le traiettorie migliori e lanciarsi senza traffico in pista. Al termine delle tre batterie di qualifica la spunterà un sorprendente Davide Zacco che estrae dal cilindro un tempo inaspettato: 51.810. Unico pilota a scendere sotto il 52.

Divisione 3
Dalla prima casella di divisione 3 scatta Paolo Pozzoli con il tempo di 53.376. Di fianco a lui Luca Guerciotti. Apre la seconda fila Luca Andreis, affiancato da Fabio Coppola. Seguono Bartalena e Bloise in terza fila, Arini e Perego in quarta, infine, Fittavolini e Statuto a chiudere. La Griglia è racchiusa in circa 1 secondo e mezzo.
La partenza avviene in regime di bandiera gialla, il primo tornantino è giudicato molto pericoloso ed essendo un eventuale contatto quasi certo, la direzione gara congela le posizioni sino a quando i piloti non avranno percorso il tornantino.
Primo giro che vede Pozzoli trovare un gran ritmo sin dalle primissime curve, andatura che consente a Paolo di guadagnare già dei metri importanti.
Fabio Coppola è scalpitante alle spalle di Andreis, cerca l’attacco al primo tornantino dove lo spazio è risicatissimo e di fatti il suo attacco gli si ritorce contro con Matteo Bartalena che lo sorprende incrociando le linee e guadagna così la quarta posizione a discapito di Coppola.
Nel corso del terzo giro, Mattia Statuto che partiva dall’ultima posizione riesce nel suo primo sorpasso ai danni di Fittavolini nel tratto delle due curve a destra che precedono la prima salita.
Fabio Coppola forza il sorpasso su Bartalena per riprendersi la quarta posizione provvisoria, l’attacco nel veloce curvone di sinistra al termine della discesa è irregolare e costerà al pilota 5 secondi di penalità. Ne approfitta però Bloise nel portarsi davanti a Bartalena alla successiva staccata.
Terzo giro davvero incandescente, nervosismo dopo i contatti avvenuti nel corso del giro, Bartalena ed Andreis vengono dapprima a contatto nel tratto veloce di scollinamento dove erano appaiati ed Andreis ha spinto Bartalena contro le barriere, successivamente Bartalena tenta un attacco scoordinato in staccata mandando in mezzo testacoda Andreis. I due perdono diverse posizioni e per entrambi ci sarà una penalità di 5 secondi da scontare a fine gara.
Nel corso del quinto giro, Bartalena riesce nel sorpasso regolare su Andreis e Bloise che era partito sesto, stando fuori da tutti i tafferugli si ritrova terzo dopo un bel sorpasso su Luca Guerciotti nella difficile e veloce curva sinistra in fondo al discesone.
Nel corso del sesto giro assistiamo ad una veloce perdita di posizioni da parte di Guerciotti infilato al tornantino alto da Statuto e Fittavolini e successivamente viene fulminato dalla proverbiale staccata a ruote fumanti di Bartalena. Anche Perego supera Guerciotti nel corso dell’ottavo giro, con Luca che è decisamente in difficoltà con il suo mezzo.
Sorpasso Magistrale di Riccardo Arini su Luca Andreis, prepara benissimo la manovra con un’uscita spettacolare dal curvone verso sinistra in fondo al discesone, riesce ad affiancare Luca ed infilarlo alla successiva staccata.
Al giro 14, Bartalena recupera il terreno perduto e raggiunge Mattia Statuto innescando una bagarre per la quarta piazza assoluta. L’imolese riesce al successivo giro nel sorpasso su Statuto, accaparrandosi la traiettoria interna al primo tornante e costringendo all’esterno Statuto, sorpreso anche da Fittavolini il quale però resiste poco davanti a Mattia che si riprende la posizione al diciottesimo giro. Quinto dunque Statuto dietro a Bartalena, quarto ed ormai staccato.
Ultimo giro ad alta tensione con Fabio Coppola che negli ultimi giri macina decimi su decimi e va a riprendere Paolo Pozzoli in testa mentre terzo è Bloise in solitaria. Ma vediamo che Coppola non intende accontentarsi ed attacca Pozzoli subito al primo tornante con un tentativo che è più un’azione di disturbo. Arrivo appaiati sul rettifilo per i due con Paolo Pozzoli che va a vincere con 187 millesimi di vantaggio su Coppola. Distacco che poi diverrà di 5.187 sec per via della penalità comminata a Coppola.
Sul podio Bloise che guadagna ben tre posizioni rispetto al via. A seguire Statuto che concretizza una rimonta di ben sei posizioni, sfoggiando anche un comportamento in gara esemplare!
Segue Fittavolini, attento a star fuori dalla bagarre, guadagna ben 4 posizioni rispetto al via. Chiude sesto Bartalena seguito da Perego, Arini, Andreis e chiude Guerciotti in ultima posizione ritiratosi dopo 10 giri.

Divisione 2
Roberto Cazzolli occupa la prima casella di Divisione2, affianco a lui staccato di soli 58 millesimi troviamo Mattia Solvi. In seconda fila Massimo Imposti e Milo Grimaldi staccati di appena 40 millesimi. Terza Fila per Alessandro Dominutti Dominator e per Federico Baldazzi. Settima casella per Lorenzo Cioni affiancato da Michele Milanesi in arte Mike The Bike. Ultima fila per Matteo Garabini e Maurizio Bertoldi. Griglia di partenza compattissima con soli 555 millesimi a dividere Cazzolli da Bertoldi.
La partenza avviene in regime di bandiera gialla, il primo tornantino è giudicato molto pericoloso ed essendo un eventuale contatto quasi certo, la direzione gara congela le posizioni sino a quando i piloti non avranno percorso il tornantino. Prima tornata che è caratterizzata da una fase di studio, con una griglia così compatta era qualcosa che ci si poteva aspettare. I tempi sul giro sono tutti molto vicini ed i piloti devono scovare i punti deboli altrui per tentare dei sorpassi.
Mike the Bike riesce in un bellissimo sorpasso nel corso dei primi metri del secondo giro, alla prima curva, davvero un punto difficile ma riesce ad infilare SuperCioni, sorpreso poi anche da Matteo Garabini che lo sorpassa al primo tornantino.
Al quarto giro, Garabini cerca di sorprendere Milanesi che però si difende, Garabini è costretto a linee infelici che lo rallentano molto è così SuperCioni lo sorpassa favorendo anche l’inserimento di Bertoldi.
Al sesto giro si accendono le battaglie anche per le posizioni di testa, dove troviamo Cazzolli attaccato da Mattia Solvi alla prima curva, punto davvero difficile per effettuare un sorpasso che in effetti sfuma.
Grimaldi entra troppo duro su Imposti al primo tornantino nel corso del settimo giro, azione che sarà poi penalizzata dalla commissione gara.
Grimaldi è però molto veloce in questa fase, arrivando subito al sorpasso, pulito, con una gran staccata su Mattia Solvi e portandosi così ad essere il primo inseguitore di Roberto Cazzolli sempre al comando.
A metà gara Cazzolli conduce su Grimaldi e Solvi, a seguire poi Imposti, Dominutti, Baldazzi, Milanesi, Cioni, Bertoldi e Garabini. Il gruppo rimane piuttosto compatto almeno sino a Baldazzi, Mentre il gruppetto capitanato da Milanesi accusa qualche metro di svantaggio.
13 giro con Dominutti che capisce di essere più veloce rispetto ai due piloti che lo precedono, Solvi ed Imposti e quindi si getta all’attacco nel tentativo di perdere meno punti possibile. Il primo attacco su Imposti è però irregolare ma Alessando correttamente lascia strada a Massimo. Mentre al giro 15, riesce il sorpasso a Dominutti Dominator, sfrutta un pertugio nella veloce sinistra dopo il discesone e si porta quindi in quarta posizione provvisoria.
Al giro 16, lì dove non te lo aspetti, Milo Grimaldi attacca e supera in maniera ineccepibile Roberto Cazzolli. Milo riesce ad incrociare la traiettoria in ingresso al tornantino alto, proponendosi interno e costringendo Roberto a lasciargli la testa della corsa.
Bagarre intanto tra Garabini e Baldazzi, con Matteo che si propone in un bel sorpasso su Federico, propiziato però da una toccata tra i due avvenuta in precedenza. Baldazzi, costretto a muro, rallenta decisamente l’uscita di curva andando a favorire l’azione di sorpasso di Garabini. Sorpasso che sarà dunque giudicato non regolare.
Al giro 18 Alessandro Dominutti cerca il sorpasso anche su Mattia Solvi per la terza posizione ma lo spazio è troppo risicato e ne esce un mezzo pasticcio. Siamo alla veloce curva sinistra dopo il discesone, Dominator cerca di infilarsi interno ma i due si toccano, le barriere fanno effetto leva ed i kart vengono sbattuti sulle barriere esterne. Dominutti è costretto a perdere ben 3 posizioni per restituire la posizione a Mattia Solvi, incolpevole ed ora al quinto posto.
Nervosismo in pista in questi ultimi due giri con Garabini e Bertoldi decisamente in modalità d’attacco. Garabini sorprende nell’ultimo giro Dominutti al secondo tornantino, mentre Grimaldi è solo in testa alla gara. Ancora Garabini scatentato in questo ultimo passaggio supera Mattia Solvi e si porta dietro Alessandro Dominutti. Gara che si chiude senza ulteriori colpi di scena ma con diverse penalità comminate dalla Direzione Gara. Penalità che andranno a modificare l’ordine di arrivo in pista.
Al primo posto troviamo quindi al netto delle penalità, Roberto Cazzolli, autore di una gara puntuale dal comportamento sportivo esemplare, sale sul gradino più alto del podio. Alle sue spalle Milo Grimaldi, ottima la sua gara, peccato solo per il sorpasso irregolare su Imposti che gli ha negato la gioia della vittoria. Completa il podio Mattia Solvi che nonostante il contatto con Dominutti in cui ha perso ben due posizioni, riesce a recuperare ed a chiudere sul podio. Quarto posto per Massimo Imposti seguito da Matteo Garabini che subisce 5 secondi di penalità per il contatto con Baldazzi. Chiude sesto Dominutti Dominator dopo una gara convulsa e 10 sec di penalità, gara in cui non è riuscito a concretizzare una rimonta che ad un certo punto sembrava più che possibile. Al settimo posto Lorenzo Cioni seguito da Maurizio Bertoldi anch’egli penalizzato di 10 secondi a causa di due azioni non regolari. Chiudono Federico Baldazzi, nono e Michele Milanesi in decima posizione.

Divisione 1
Tutto è pronto per la Prima Divisione, 11 piloti prontissimi sulla griglia di partenza per affrontare i 20 giri pari a 12 km qui, alla Montecarlo dei Kart.
Pista Lario Motor Sport dove troviamo in Pole Position a sorpresa Davide Zacco con l’incredibile crono di 51.810 secondi. Infligge un distacco di ben 381 millesimi al proprio compagno di fila Marco Termine.
Seconda fila per Cosimo Mimmo Simeone affiancato da Diego Merli. Conferma il suo stato di forma Giuseppe Napoletano quinto, a fargli compagnia in griglia il “Mantovano Volante”, Mattia Castelletti.
Quarta fila per Illuzzi e Gianola seguiti da Milivinti e Colombo. Chiude lo schieramento di partenza Roberto Ayrton Lanticina. 993 millesimi di secondo racchiudono tutta la griglia di questa Divisione1.
La partenza avviene in regime di bandiera gialla, il primo tornantino è giudicato molto pericoloso ed essendo un eventuale contatto quasi certo, la direzione gara congela le posizioni sino a quando i piloti non avranno percorso il tornantino.
I primi due giri non vedono alcuna variazione di posizione mentre Davide Zacco conferma la sua prestazione fenomenale ottenuta in qualifica. Subito infernale il suo ritmo e riesce già a guadagnare qualche metro di vantaggio sul gruppo degli inseguitori che rimane molto compatto.
Attacco di Merli su Simeone alla prima curva del terzo giro, azione che prosegue anche nel primo tornantino con una staccata infelice da parte di Diego che finisce per spingere Cosimo Simeone, i due rallentano tantissimo ed il gruppo alle loro spalle si comprime generando un po’ di bagarre.
Ne approfitta Lanticina che guadagna posizione su Colombo ora undicesimo, mentre Castelletti insidiato da Illuzzi passa esterno al primo tornantino evitando il caos innescato da Merli e conservando la propria posizione.
Al quarto giro Milivinti supera Gianola che gli risponde in maniera irregolare al tornantino alto, riprendendosi la posizione, ma incappando anche in una penalità.
Penalità che aumentano per Gianola, che attacca al giro successivo in modo irregolare anche Tiziano Illuzzi costretto a subire il sorpasso al primo tornantino.
Anche Milivinti tenta un attacco su Illuzzi ma non c’è lo spazio e i kart vengono a contatto in maniera piuttosto brusca. Entrambi perdono delle posizioni ma scatta anche in questo caso la penalità per Milivinti.
Il gruppetto dei piloti inseguitori è molto nervoso, già diverse penalità dopo soli 5 giri. Lo spazio è molto ridotto e la voglia, da parte dei piloti, di portarsi nelle posizioni che contano è tanta. Inoltre su questo tracciato anche solo un tentativo di sorpasso, quando non riesce, fa perdere al pilota che esce dalla linea di traiettoria ideale davvero molto tempo. Le curve si susseguono concatenandosi in una danza che se spezzata fa perdere moltissimo tempo contribuendo a mantenere il gruppo compatto e nervoso. Castelletti, Napoletano, Illuzzi, Colombo, Gianola e Milivinti sono costantemente vicini e spesso a contatto con incroci di linee pazzeschi!
Gianola e Colombo tra la fine del giro 8 e l'inizio del giro 9 sorpassano entrambi Tiziano Illuzzi in maniera irregolare, Tiziano perde così diverse posizioni. Gara sfortunata oggi per il portacolori del Team CiKart, un pilota dimostratosi sempre corretto, che mai come oggi si è ritrovato a subire diversi colpi bassi.
Castelletti intanto è sempre a capo del trenino degli inseguitori, ormai da diverse tornante ha un atteggiamento difensivo, è braccato e la sensazione è quella che sia più lento rispetto ai piloti che precede.
Al giro 10 la pressione di Gianola è ormai incontenibile e sorpassa il “Mantovano Volante”.
Zacco intato è al comando indisturbato mentre all' 11° giro Diego Merli riesce, dopo svariati tentativi malamente preparati, a portarsi in seconda posizione superando Simeone.
Dall’altra parte della pista nello stesso momento Roby Ayrton Lanticina supera con una manovra forzata Mattia Castelletti che non riesce più a difendersi, in difficoltà, perde diverse posizioni in questa fase di gara.
Stiamo entrando nell’ultimo quarto di gara quando Giuseppe Napoletano quarto, raggiunge Cosimo Simeone e tra i due inizia un acceso duello per l’ultimo gradino del podio. Con Napoletano che attacca prepotentemente alla prima curva, Simeone finisce in testacoda e la Direzione Gara richiede a Gnappo la restituzione della posizione a Cosimo. Un nuovo attacco di Giuseppe Napoletano arriva al giro 17, sempre nello stesso punto, sempre con un’azione davvero al limite della fisica. I due perdono tantissimo tempo con questi continui attacchi di Gnappo che non vanno a buon fine, e Colombo finisce per recuperare e sopravanzare Napoletano. Nuovamente nervosismo in pista tra Napoletano e Colombo, ulteriori provvedimenti disciplinari in arrivo per i due piloti.
Moltissimi episodi certamente non corretti in pista quest’oggi, episodi che però si concludono con la fine della gara ormai imminente. La bandiera a scacchi sventola tutta per Davide Zacco, il Principe di Colico. Sicuramente la sorpresa di giornata, Zacco, che alla sua quarta gara di campionato centra la prima vittoria stagionale, ribaltando ogni previsione della vigila. Il suo ritmo è stato impressionante dal primo all’ultimo giro. Tanti oggi i contatti e tante le sanzioni comminate dalla Direzione Gara. Sanzioni che finiscono per stravolgere l’ordine d’arrivo di gara. Sul secondo gradino del podio l’incensurato Marco Termine, gara regolare la sua, in assoluta tranquillità, non tiene il ritmo di Zacco ma allo stesso tempo nessuno dei piloti alle sue spalle regge la sua andatura. Completa il podio, nonostante 5 secondi di penalità, un Diego Merli velocissimo, stampa il giro record di giornata di ben mezzo secondo migliore rispetto al best di ogni altro pilota.
Ai piedi del podio Cosimo Simeone seguito da Tiziano Illuzzi che mantiene il sangue freddo nonostante le tante situazioni subite, non cade nella tentazione del “fallo di reazione” ed infatti recupera diverse posizioni sfruttando le penalità subite da altri driver.
Thomas Colombo giunge sesto al traguardo nonostante i 15 secondi di penalità attribuiti per i diversi episodi che lo hanno visto protagonista. Roberto Lanticina è autore di una gara concreta, partito ultimo, giunge settimo al traguardo guadagnando ben 4 posizioni. 5 secondi di penalità per lui per il sorpasso forzato su Castelletti non appannano una buona prestazione in ottica campionato con il leader di campionato e suo principale rivale, Dominator, oggi costretto in seconda divisione.
Giuseppe Napoletano giunge ottavo al traguardo con 15 secondi di penalità, seguito da Castelletti, Gianola che è autore di una gara contrastata con ben 20 secondi di penalità per lui.
Chiude all’undicesimo posto la wildcard migliore di giornata Massimiliano Milivinti.
Prossimo impegnativo appuntamento il 18 di giugno al BiKarting di San Giorgio in Bosco, competizione dura grazie ai potentissimi Sodi RX 250 ed una durata di 25 minuti per una gara che vedrà anche le temperature inalzarsi mettendo alla prova la tenuta fisica di tutti i piloti.

Scarica il comunicato con i tempi e i risultati della gara
Scarica il comunicato con i tempi e i risultati della gara




Penalita'
Lo Staff di KartGP dopo aver preso visione di tutte le immagini relative al GP4 2016 - GP della Valtellina - disputatosi in data 08/05/2016 presso la pista Lario MotorSport di Colico, ha deciso di comminare le seguenti penalità.
Lo Staff raccomanda a tutti i partecipanti di mantenere un comportamento sportivo e corretto. Si ricorda che il rispetto tra partecipanti e la sicurezza per tutti i piloti sono una condizione assolutamente necessaria ed hanno un importanza nettamente superiore rispetto ai risultati delle competizioni in essere.
Le penalità sono insindacabili e la commissione giudicante auspica di non dover ricorrere ulteriormente ad applicare sanzioni in base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 5 per Condotta pericolosa.

DIVISIONE 1: Penalità Comminate.
- Diego Merli +5 secondi (per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 5 Condotta pericolosa. Sono stati valutati tre attacchi portati nei confronti di Cosimo Simeone al giro 3 (due tentativi) ed al giro 6. Le manovre pur non avendo portato al guadagno di posizione sono state valutate pericolose. Tali manovre hanno intaccato la sicurezza in pista e dunque valutati di conseguenza.

- Roberto Lanticina +5secondi (5sec per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3. Giudicato non regolare il sorpasso effettuato al giro 11 nei confronti di Castelletti.

- Massimiliano Milivinti +10secondi (10sec per sorpassi irregolari): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3. Sono stati valutati irregolari i sorpassi portati al giro 5 e 18.

- Giuseppe Napoletano +15 secondi (5sec per sorpassi irregolari + 10 sec per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 e 5. Sono stati valutati cinque attacchi nei confronti di Simeone e Castelletti, gli stessi hanno intaccato la sicurezza in pista. Inoltre al giro 17 è stato effettuato un sorpasso non regolare.

- Thomas Colombo + 15 secondi (10 sec per sorpassi irregolari + 5sec per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 e 5. Sono stati valutate due situazioni di gara, al giro 9 Colombo sorpassa Illuzzi irregolarmente ed al giro 17 la manovra non regolare è ai danni di Napoletano.

- Davide Gianola +20 secondi (15sec per sorpassi irregolari + 5sec per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 e 5. Vengono valutate cinque situazioni di gara ai giri 4; 5; 8; 9; 10. Tre sorpassi irregolari ed ulteriori due manovre che hanno messo a rischio la sicurezza in gara.

DIVISIONE 2: Penalità Comminate.
- Matteo Garabini +5 secondi (5sec per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3. È stato giudicato irregolare il sorpasso al giro 16 nei confronti di Baldazzi, propiziato da una manovra che ha generato una situazione pericolosa in pista.

- Milo Grimaldi +5 secondi (5sec per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3. Viene giudicato irregolare il sorpasso portato al giro 6.

- Alessandro Dominutti +5 secondi (5sec per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 5. La condotta mantenuta dal pilota seppur corretta nel restituire tutte le posizioni acquisite irregolarmente ha comunque portato a situazioni di pericolo in pista.

- Maurizio Bertoldi +10 secondi (5sec per sorpasso irregolare + 5sec per condotta di gara): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 e 5. Per sorpasso irregolare al giro 19 ed una condotta di gara non conforme a garantire sicurezza.

- Michele Milanesi +5 secondi (5sec per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 viene giudicato irregolare il sorpasso effettuato al giro 19.

DIVISIONE 3: Azioni valutate.
- Matteo Bartalena +5 secondi (per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 viene giudicato irregolare il sorpasso effettuato ai danni di Luca Andreis al giro 3.

- Luca Andreis +5 secondi (per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 viene giudicato irregolare il sorpasso effettuato ai danni di Bartalena al giro 3.

- Fabio Coppola +5 secondi (per sorpasso irregolare): In base all’articolo 7, comma 7.1 Gara->punto 3 viene giudicato irregolare il sorpasso effettuato ai danni di Bartalena al giro 3.


Risultati qualifiche

Batteria 1
Pilota Kart Best time
Merli Diego 6 52.498
Gianola Davide 14 52.637
Milivinti Massimiliano 12 52.717
Garabini Matteo 4 53.219
Bertoldi Maurizio 10 53.366
Guerciotti Luca 15 53.507
Andreis Luca 3 53.674
Coppola Fabio 7 53.684
Perego Dino 16 54.648
Fittavolini Andrea 9 55.089
Statuto Mattia 2 55.415
Batteria 2
Pilota Kart Best time
Zacco Davide 3 51.810
Illuzzi Tiziano 15 52.636
Colombo Thomas 6 52.772
Solvi Mattia 4 52.869
Grimaldi Milo 14 53.014
Baldazzi Federico 10 53.134
Milanesi Michele 12 53.204
Pozzoli Paolo 7 53.376
Bartalena Matteo 16 53.814
Arini Riccardo 2 54.351
Batteria 3
Pilota Kart Best time
Termine Marco 14 52.191
Simeone Cosimo 6 52.444
Napoletano Giuseppe 15 52.562
Castelletti Mattia 3 52.634
Lanticina Roberto 16 52.803
Cazzolli Roberto 10 52.811
Imposti Massimo 7 52.974
Dominutti Alessandro 4 53.109
Cioni Lorenzo 12 53.156
Bloise Gabriele 2 54.138


Risultati gare

Gara 1
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Zacco Davide
4 17:29.931 - 52.022 41.15
Km/h
Gara 40
Pole 2
Totale 42

Termine Marco
16 17:40.662 00:10.730 52.407 40.73
Km/h
Gara 36
Totale 36

Merli Diego
15 17:41.425 00:11.493 51.540 40.70
Km/h
Gara 33
Best lap 1
Totale 34

Simeone Cosimo
7 17:56.306 00:26.375 52.765 40.14
Km/h
Gara 30
Totale 30

Illuzzi Tiziano
14 18:06.978 00:37.047 52.515 39.74
Km/h
Gara 29
Totale 29

Colombo Thomas
10º 12 17:56.535 00:26.604 51.932 40.13
Km/h
Gara 28
Totale 28

Lanticina Roberto
11º 9 18:06.678 00:36.747 53.068 39.75
Km/h
Gara 27
Totale 27

Napoletano Giuseppe
3 17:57.495 00:27.563 52.002 40.09
Km/h
Gara 26
Totale 26

Castelletti Mattia
6 18:13.275 00:43.344 53.004 39.51
Km/h
Gara 25
Totale 25
10º
Gianola Davide
10º 10 17:56.804 00:26.873 52.080 40.12
Km/h
Gara 24
Totale 24
11º
Milivinti Massimiliano
11º 2 18:11.064 00:41.133 52.356 39.59
Km/h
Gara 23
Totale 23


Gara 2
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Cazzolli Roberto
12º 12º 4 17:44.267 - 52.588 40.59
Km/h
Gara 23
Totale 23

Grimaldi Milo
15º 13º 15 17:40.243 00:-4..02 51.955 40.75
Km/h
Gara 22
Totale 22

Solvi Mattia
13º 14º 16 17:51.984 00:07.716 52.574 40.30
Km/h
Gara 21
Totale 21

Imposti Massimo
14º 15º 7 17:52.239 00:07.971 52.749 40.29
Km/h
Gara 20
Totale 20

Garabini Matteo
20º 16º 2 17:50.978 00:06.711 52.111 40.34
Km/h
Gara 19
Totale 19

Dominutti Alessandro
16º 17º 3 17:51.590 00:07.322 52.039 40.31
Km/h
Gara 18
Totale 18

Cioni Lorenzo
18º 18º 14 17:56.962 00:12.694 52.498 40.11
Km/h
Gara 17
Totale 17

Bertoldi Maurizio
21º 19º 12 17:49.035 00:04.768 52.142 40.41
Km/h
Gara 15
Totale 15

Baldazzi Federico
17º 20º 6 17:59.251 00:14.983 52.898 40.03
Km/h
Gara 16
Totale 16
10º
Milanesi Michele
19º 21º 10 17:55.861 00:11.594 52.621 40.15
Km/h
Gara 15
Totale 15


Gara 3
Pos. Pilota Part. Arr. Kart T.tot gara Distacco Best time Vel. media Punti Info

Pozzoli Paolo
22º 22º 4 17:48.375 - 52.830 40.44
Km/h
Gara 14
Totale 14

Coppola Fabio
25º 23º 15 17:48.562 00:00.186 52.205 40.43
Km/h
Gara 13
Totale 13

Bloise Gabriele
27º 24º 6 17:54.575 00:06.200 52.666 40.20
Km/h
Gara 12
Totale 12

Statuto Mattia
31º 25º 12 18:04.682 00:16.307 52.907 39.83
Km/h
Gara 9
Totale 9

Fittavolini Andrea
30º 26º 2 18:05.663 00:17.288 53.011 39.79
Km/h
Gara 8
Totale 8

Bartalena Matteo
26º 27º 3 18:02.262 00:13.886 52.622 39.92
Km/h
Gara 11
Totale 11

Perego Dino
29º 28º 10 18:11.017 00:22.642 53.120 39.60
Km/h
Gara 10
Totale 10

Arini Riccardo
28º 29º 14 18:11.500 00:23.125 52.600 39.58
Km/h
Gara 9
Totale 9

Andreis Luca
24º 30º 7 18:32.486 00:44.111 54.380 38.83
Km/h
Gara 8
Totale 8
10º
Guerciotti Luca
23º 31º 16 09:20.658 +10 giri 54.623 38.53
Km/h
Gara 7
Totale 7


Album foto
GP4 2016 - Gran Premio della Valtellina
Apri l'album fotografico completo...


Album video

GP4 2016 - Gran Premio della Valtellina

GP4 2016 - Moviola penalità

GP4 2016 - Divisione 1

GP4 2016 - Divisione 2

GP4 2016 - Divisione 3
Apri l'album video completo...


Copyright 2018 - All Rights Reserved - Tutti i diritti sono riservati - KartGP.it - Privacy